DA SEGRETERIA NAZIONALE CUB SALLCA

Nei giorni passati le vicende legate alla rivalutazione delle quote di Banca d'Italia erano state al centro dell'attenzione dell'opinione pubblica.
Il consueto polverone mediatico aveva provveduto a spostare l'attenzione sulle risse parlamentari più che sul merito delle questioni.
Noi riteniamo che, sia nel caso di Banca d'Italia, sia nel caso della parziale privatizzazione di Poste Italiane, ci si trovi di fronte ad un'appropriazione indebita di beni collettivi.
Nel nuovo numero di Bancarotta proviamo a spiegare perchè.

questo post è stato letto4023volte