CCNL-ABI-2012.001

Volantino Doc ABI

DA SEGRETERIA NAZIONALE CUB SALLCA

Anche dopo gli incontri del 5 e 13 novembre, continua la fase di stallo sul contratto nazionale del credito. Il prossimo incontro è in programma per il 25-26 novembre, ma l’ABI nell’esecutivo del 19 novembre ha ribadito l’appoggio a Profumo sulla linea intransigente adottata e quindi la rottura sembra inevitabile.

A fine ottobre l’ABI aveva presentato il documento allegato, con le sue richieste.

In buona sostanza si chiede la cancellazione del contratto.

L’area contrattuale verrebbe svuotata; gli aumenti economici sarebbero risibili e dovrebbero accompagnarsi all’abolizione di scatti d’anzianità e di quel che resta degli automatismi, insieme alla riduzione della base di calcolo per il TFR; gli orari potrebbero essere contrattati aziendalmente, così come in generale dovrebbero essere ampliate le materie oggetto di contrattazione peggiorativa e derogatoria a livello aziendale; gli inquadramenti dovrebbero essere dimezzati; nella rete filiali dovrebbero essere introdotte forme di lavoro autonomo.

Elenchiamo queste richieste per puro dovere di cronaca: queste proposte non sono solo da respingere, ma non possono neppure essere prese in considerazione per una trattativa al ribasso per “ridurre il danno”. Ci chiediamo cosa aspettino i sindacati trattanti a indire assemblee per informare i lavoratori dello stato della trattativa ed iniziare la mobilitazione.

Ricordiamo che il contratto ha subìto l’ennesima proroga fino a fine anno, ma il tempo sta di nuovo scadendo.

Non vorremmo ritrovarci con la replica dell’ultimo rinnovo, firmato sotto il ricatto della disdetta.

Ricordiamo che la trattativa si svolge con un’organizzazione, l’ABI, che ha avuto alla sua guida Mussari e Berneschi, responsabili diretti di due disastri aziendali (il primo condannato di recente a 3 anni e mezzo di reclusione per ostacolo alla vigilanza, il secondo reduce da 4 mesi di carcere per truffa ed appropriazione indebita).

L’attuale capodelegazione, Alessandro Profumo, rinviato a giudizio per dichiarazione fraudolenta dei redditi (inchiesta Brontos), indagato per bancarotta (vicenda Divania), è stato liquidato da Unicredit con 40 milioni di euro.

Non sarebbero accettabili nuovi sacrifici dei lavoratori per consentire a questi signori di continuare a fare i loro comodi.

questo post è stato letto1419volte