Circa un mese fa, i legali dei lavoratori di Fruendo, che avevano aperto una vertenza legale contro l’esternalizzazione, si sono visti recapitare da MPS e Fruendo una proposta per rinunciare al rientro in banca, in cambio di una clausola di salvaguardia, valida fino al 2031, che prevede il ritorno in MPS al verificarsi di una serie di eventi negativi.

Questa mossa aziendale dimostra, come prima evidenza, che gli avvocati,  indirettamente, sono già riusciti a strappare condizioni migliori di quelle ottenute dai sindacati che firmarono lo sciagurato accordo di cessione.

In secondo luogo, a fronte dei comprensibili timori dei lavoratori per l’esito del ricorso in Cassazione, questa offerta tardiva, da parte aziendale, dimostra che i timori della controparte sono ancora più forti.

In una situazione come questa, ci aspetteremmo che i sindacati che non firmarono l’accordo di cessione, ma che, contrariamente a noi, hanno il potere di indire assemblee, si attivassero in tal senso, per evitare che ogni lavoratore con ricorso in piedi sia lasciato da solo a fare la sua scelta.

Noi pensiamo che non solo le vertenze legali debbano andare avanti, ma che andrebbe aperta una vertenza sindacale per il rientro di tutti i lavoratori in MPS. Le vertenze legali, a nostro parere, hanno sempre una funzione complementare e non sostitutiva dell’azione sindacale.

Nel caso di esito favorevole delle cause anche in Cassazione avremmo una situazione paradossale, nella quale alcuni lavoratori (chi ha tenuto in piedi la causa) rientrerebbero in MPS, altri (chi avesse accettato la conciliazione) che resterebbero in Fruendo con garanzie rafforzate e altri ancora, chi non ha fatto causa, che resterebbero in Fruendo con le sole garanzie dell’accordo sindacale.

Mps, a seguito delle sentenze giunte fino al secondo grado, è in un’oggettiva situazione di debolezza e si deve percorrere la strada per garantire il rientro a tutti i lavoratori.

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Gruppo MPS

questo post è stato letto469volte