da CUB SALLCA INTESA SANPAOLO
a iscritti/e, lavoratori, lavoratrici, esodati/e e pensionati/e

Ricordiamo a tutti i colleghi, in servizio, in pensione, in esodo, che sono in fase di spedizione le lettere o le mail inviate dalla Cassa con la proposta di capitalizzazione individuale, secondo quanto previsto dall’accordo sindacale del 5 dicembre 2017.

L’accordo prevede 90 giorni di tempo per esprimere una scelta:

a) accettare la capitalizzazione individuale;

b) non esercitare l’opzione e quindi mantenere la precedente prestazione alle stesse condizioni attualmente vigenti (integrazione della pensione INPS con fidejussione della Banca).

In riferimento a quest’ultima opzione, ricordiamo che la “Cassa” confluirà nel “Fondo Pensione Complementare Banco Napoli – Sezione A” (a prestazione definita) che, a conclusione dell’operazione di capitalizzazione, sarà denominato in “Fondo a prestazione definita del Gruppo Intesa Sanpaolo” che manterrà la sede a Torino.

Alcuni sindacati firmatari hanno già organizzato assemblee illustrative e proposto consulenze personalizzate per aiutare i colleghi interessati a scegliere in modo informato.

Come CUB-SALLCA siamo intenzionati ad organizzare un’assemblea illustrativa il 23 luglio (magari con ripresa video per consentire una fruizione anche a chi è distante). Nel frattempo confidiamo che molti dubbi ancora sul tappeto vengano fugati e chiariti quegli elementi di incertezza, normativa e fiscale, ancora presenti. Facciamo presente che la questione della riforma della legge Fornero, comunemente nota come ripristino della “quota 100”, qualora venisse a concretizzarsi in provvedimenti concreti, avrebbe ripercussioni molto significative sul bilancio tecnico della Cassa, sull’entità della prestazione integrativa da essa prevista e quindi sull’importo della fidejussione prestata dalla banca per garantire nel tempo tale prestazione.

Invitiamo dunque i colleghi a non scegliere in modo affrettato, a sfruttare tutto il tempo concesso per esprimere la scelta e documentarsi accuratamente attraverso tutti canali disponibili. Oltre alla consulenza dei nostri attivisti, vi ricordiamo che saranno disponibili sul sito della Cassa le “domande e risposte frequenti”, due linee telefoniche ed una mail dedicata, curate dal personale della Cassa stessa.

Raccomandiamo a tutti i Colleghi che intendono rimanere nel Fondo di tenere con estrema cura la lettera di proposta di capitalizzazione, perché in essa sono contenute le specifiche di una futura proposta di monetizzazione, mentre sullo Statuto del Fondo ex- Banco Napoli (che cambierà nome e garantirà la continuità della prestazione ora in capo alla Cassa) la descrizione della decurtazione del 6% è molto più sintetica.

Valutazione importante anche perché adesso tra i pensionati (circa 7.200) ci sono circa 1.700 persone che hanno un’integrazione annua lorda Cassa superiore a 10.000 Euro, in futuro potrebbero essere molti di più.

Ricordiamo a grandi linee i contenuti della lettera che perverrà ai colleghi, in base alla categoria di appartenenza.

PREMESSA

La ‘base di partenza’ per tutti i calcoli che sono stati fatti sarà la seguente:

“Per gli iscritti in servizio e gli esodati, il capitale verrà determinato considerando l’anzianità maturata alla data del 31 dicembre 2017, raffrontando la prestazione prevista dallo Statuto della Cassa (aliquota del 2,25% dell’ultima retribuzione per ogni anno di iscrizione) con la prestazione Inps per la medesima anzianità contributiva. I dati tecnico-attuariali sono quelli già utilizzati per il Bilancio Tecnico della Cassa.”

ATTIVI ed ESODATI ex-accordo ottobre 2017:

  • Minimo garantito Euro 30.000;

  • Coloro che accettano la proposta di capitalizzazione riceveranno il controvalore lordo sul Fondo Pensione a contribuzione definita di Gruppo (per gli esodati che avessero già riscattato tutto il Fondo Pensione la posizione sarà riaperta) e l’Azienda integrerà la contribuzione al Fondo di un ulteriore 4% sino al momento del pensionamento (per coloro che andranno in Esodo cfr. quanto previsto dall’Accordo ottobre 2017);

  • Nella lettera saranno riportati, oltre ai dati economici e demografici utilizzati per i calcoli:

    • Importo di capitalizzazione lordo;

    • Stima della pensione integrativa lorda Cassa (13 mensilità);

  • Chi non accetta la proposta di capitalizzazione avrà comunque la possibilità di capitalizzare il trattamento periodico anche al momento del pensionamento (ovviamente calcolato in base ai tassi pro-tempore vigente e con una potenziale decurtazione del 6% sull’importo della pensione integrativa lorda annua sulla parte eccedente Euro 10.000);

ESODATI

  • Stesse condizioni delle categorie precedenti, ma non avranno la contribuzione aggiuntiva del 4% al Fondo Pensione da parte dell’Azienda;

PENSIONATI

  • Non è previsto un importo minimo garantito;

  • Coloro che accettano la proposta riceveranno l’importo in contanti;

  • Sarà applicata una decurtazione del 6% all’importo della pensione integrativa annua lorda sulla parte eccedente Euro 10.000;

  • Nella lettera saranno riportati l’importo lordo e netto dell’offerta di capitalizzazione (tassazione in base alle regole del Fondo Pensione M1, M2, M3), a questo importo saranno dedotti i ratei di pensione 2018 sino a quel momento percepiti;

  • I Pensionati che già oggi NON ricevono l’integrazione della Cassa di Previdenza (c.d. ‘Integrati a zero’) non riceveranno nessuna lettera e le loro posizioni saranno trasferite d’ufficio al Fondo ex-B.co Napoli;

  • I Pensionati che presentano una posizione debitoria nei confronti della Cassa riceveranno un importo decurtato dell’importo a debito.

DIFFERITI (Art. 41 e 41 bis dello Statuto Cassa)

  • Non è previsto un minimo garantito;

  • Coloro che accettano la proposta riceveranno l’importo in contanti;

  • Nella lettera saranno riportati l’importo lordo e netto dell’offerta di capitalizzazione (tassazione in base alle regole del Fondo Pensione M1, M2, M3);

PER TUTTI

A disposizione per richieste di chiarimenti:

  • Una casella mail dedicata;

  • Due linee telefoniche dedicate;

  • Sul sito internet Cassa: documento di “domande e risposte più frequenti” e nota di approfondimento metodologico.

Modalità di adesione:

  • Per gli Attivi è prevista la possibilità di aderire via web – per gli Attivi che non possono usufruire dell’applicativo è prevista l’adesione cartacea;

  • Per tutte le altre categorie di destinatari è prevista l’adesione in modalità cartacea (comunicazione da trasmettere tramite Raccomandata RR).

questo post è stato letto1268volte