L’emergenza coronavirus non ha bloccato le trattative ed è stato siglato l’accordo sindacale per la gestione delle “eccedenze produttive” previste dal nuovo piano industriale di Unicredit.

L’accordo ridimensiona parzialmente le richieste iniziali di riduzione d’organico di 6.000 unità e prevede il ricorso massiccio al Fondo Esuberi.

In cambio c’è l’impegno ad assumere in rapporto di uno a due, ma resta la chiusura di 450 filiali in Italia, come deciso dall’azienda.

E’ stato firmato in modo contestuale l’accordo per il Premio di Produttività Esercizio 2019 ed una serie di misure di welfare aziendale.

Alleghiamo un nostro commento critico di sintesi.

Buona lettura.

 

CUB-SALLCA Gruppo Unicredit

 

 

questo post è stato letto299volte