Come già avvenuto negli ultimi anni, la CUB raccoglie l’invito di Non Una di Meno ad indire uno sciopero generale nella giornata internazionale dell’8 marzo.

E’ in corso una grave crisi economica e sociale che rischia di fare tornare indietro i diritti di tutti i lavoratori e ancora di più quello delle lavoratrici.

La gestione dell’emergenza ha scaricato sulle donne il lavoro di assistenza e di cura, come mai prima d’ora.

Sono state le prime ad essere confinate in casa con lo smart-working, le prime ad essere scaricate dal mercato del lavoro, con il mancato rinnovo dei contratti a termine, le prime lasciate a casa con la chiusura delle mense, della ristorazione e del turismo.

Adesso, con lo sblocco dei licenziamenti, rischiano di essere le prime a pagare con la perdita definitiva del posto di lavoro, per consentire alle aziende di agganciare la ripresa economica “alleggerite” di costi.

La proclamazione di sciopero indetta dalla CUB copre tutti/e le lavoratrici e i lavoratori che intendono partecipare all’agitazione.

Anche nel settore bancario ed assicurativo sono stati rispettati i termini di preavviso e le modalità di comunicazione previste dalla legge 146/90 (che continuiamo a ritenere liberticida, ingiusta e repressiva del diritto di sciopero).

Chi trova ostacoli, da parte di responsabili disinformati, non ha che da contattarci.

Partecipate allo sciopero e alle manifestazioni!

E leggete il nostro volantino !!

CUB-SALLCA Credito e Assicurazioni

questo post è stato letto183volte