DA CUB SALLCA
A ISCRITTI/E E LAVORATORI/TRICI DI INTESA SANPAOLO

 

QUANDO L’INGIUSTIZIA E’ PALESE LA RESISTENZA DIVENTA DOVERE

 

Nel vorticoso movimento delle operazioni societarie, fusioni per incorporazione, scorpori e alienazione di rami d’azienda, è purtroppo prassi consolidata in ambito bancario la vendita dei lavoratori insieme alle attività cedute.

E’ un modo barbaro di trattare il “capitale umano”: un bene come un altro da prezzare sul mercato, incorporato nel valore del portafoglio ceduto. Un moderno mercato di carne umana. Nel caso in oggetto, il pacchetto dei lavoratori ceduti (la piattaforma di recupero crediti) era di 591 unità ed è stato valutato (e pagato) 500 milioni di euro.

Non sempre però i protagonisti passivi di questi maneggi subiscono in silenzio. Ad esempio molti tra i lavoratori di Intesa Sanpaolo ceduti nel 2018 ad Intrum, insieme ai crediti deteriorati, hanno prima votato massicciamente contro l’accordo sindacale sulla cessione (arrivando a bocciarlo in alcune assemblee), poi hanno ricorso per le vie legali e infine hanno vinto: una prima sentenza del Tribunale di Roma dichiara illegittima la cessione ed ordina il loro reintegro.

Dovremo attendere la motivazione della sentenza e poi l’esito delle cause intentate in altre sedi, ma abbiamo già una prima sentenza favorevole.

In tempi in cui si tende ad esaltare la “resilienza” (che allude elegantemente all’arte di piegarsi alle intemperie e ai soprusi), noi preferiamo parlare di “resistenza” e diffondere l’idea che vale la pena dire no: qualche volta funziona!

 

LEGGI IL VOLANTINO

 

 

questo post è stato letto3766volte