Il secondo round di incontri sul ccnl, il 18 luglio,  è ruotato intorno al tema della digitalizzazione. Un tema dichiarato fondamentale nella piattaforma dei sindacati FTTN (firma tutto, tratta nulla), al punto da dedicargli circa 10 righe e rivendicare la creazione di una commissione mista.

In effetti la contesa si è accesa attorno all’appassionante dibattito se sia meglio un “osservatorio” (come suggerito dall’Abi) o una “cabina di regia” (come rivendicato dai SindacAbi). Trapela ottimismo sulla possibilità di trovare un accordo, come ipotizzato da First Cisl,  con la creazione di un organismo bilaterale….

Ma mentre le parti si aggiornavano al terzo incontro, esplodeva la notizia dei 10.000 esuberi che potrebbero essere dichiarati col prossimo piano industriale di Unicredit.

Si tratta di una voce, per ora priva di conferme e di dettagli, che ha scatenato le immediate reazioni dei sindacati  FTTN: “pronti a fare a cazzotti” ruggisce Sileoni della Fabi. “Il dottor Mustier deve sapere che contro quest’atto la Fisac  farà le barricate e per lui sarà un nuovo Vietnam”, incalza Calcagni.

Tutti potranno ricordare il livello di conflittualità che, sia a livello generale, sia a livello aziendale, questi sindacati hanno garantito in questi anni, per cui queste “sparate” non possono che provocare fragorose risate, ma c’è poco da ridere.

Andranno valutate attentamente le intenzioni di Unicredit quando queste verranno dettagliate, ma certamente una notizia del genere rischia di condizionare pesantemente il rinnovo del ccnl e di offrire una facile via di fuga ai nostri aspiranti “pugili”: mica si può chiedere la luna in presenza di rilevanti esuberi nel settore”.

Verificheremo quindi la strumentalità di questa fuga di notizie. Quello che si può osservare da subito è che i prodi manager di Unicredit, dai temerari ed ambiziosi progetti di acquisizioni clamorose in terra teutonica, sono passati in fretta ai più rassicuranti approdi dell’evergreen rappresentato dai tagli dei costi. Complimenti per la fantasia.

Il 30 luglio il terzo incontro per il CCNL non si è tenuto, ma L’Abi ha trasmesso un documento, ancora sul  tema delle nuove tecnologie, proponendo la creazione di un comitato bilaterale e paritetico.

I sindacAbi condividono l’idea ma non la sua realizzazione. L’appassionante dibattito proseguirà dopo la pausa estiva, il 23 settembre.

A parte le battute, su questo argomento i sindacati FTTN vogliono impedire “fughe in avanti” delle singole aziende con accordi di secondo livello fuori dalle regole nazionali. Forse un tentativo tardivo di impedire idee creative come quella di Intesa Sanpaolo, dove  sono partiti i contratti “misti”, con la figura ibrida di lavoratori part time che, nei giorni in cui non sono dipendenti, fanno i promotori a partita iva?? Però qualcuno a livello aziendale la firma l’ha messa a questa genialata!

Buone ferie a tutti/e.

Segreteria Nazionale CUB-SALLCA

questo post è stato letto417volte