Ogni anno, ad ogni primavera, l’erogazione del premio di risultato in Intesa Sanpaolo delude molti colleghi, ridimensiona le aspettative, suscita malumori e rancori. 

Spesso sono proprio i risultati sorprendenti e “massivi” a portare conseguenze sgradevoli: la suddivisione del plafond tra troppi “concorrenti” andati a premio. 

Accade puntualmente per la quota di “eccellenza”, senza che i rimedi adottati abbiano visto soluzioni soddisfacenti. 

Ma sono in generale la farraginosità del meccanismo, la scarsa trasparenza, i ritardi di comunicazione, che finiscono per innervosire i lavoratori. Per non parlare dello scarto del trattamento tra dipendenti e altri “stakeholders”… 

Ne parliamo nel documento allegato.

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Gruppo Intesa Sanpaolo

questo post è stato letto129volte