È emersa nei giorni scorsi l’imbarazzante vicenda dei tassi di interessi creditori riservati ai deputati della Repubblica.

I rappresentanti del popolo godono con la convenzione Intesa Sanpaolo di condizioni fantastiche, pari a circa 30 volte quello che prende la media dei correntisti.

 

Dopo la trasmissione di Crozza e gli articoli del Fatto Quotidiano abbiamo inviato a tutti i mezzi di comunicazione il comunicato che alleghiamo.

Anche se quasi nessuno l’ha pubblicato o ripreso (il che esprime bene lo stato comatoso della libertà di stampa nel paese), noi pensiamo che valga ancora la pena di indignarsi, almeno ogni tanto…

L’abitudine all’assuefazione è deleteria e pericolosa, i privilegi di casta non hanno motivi di esistere.

MA SIAMO NOI CHE DOBBIAMO CHIEDERE LA LORO ABOLIZIONE: NON SI PUO’ CERTO SPERARE CHE PROVVEDANO DA SOLI!

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni

 

questo post è stato letto157volte