Archivio Intesa Sanpaolo - Page 2

E la chiamano contrattazione…

Il 3 di agosto scorso le organizzazioni sindacali trattanti hanno firmato nel Gruppo Intesa Sanpaolo il rinnovo del contratto di secondo livello. Il rinnovo è andato in onda secondo le regole ormai collaudate dopo l’accordo quadro del 24.10.2011: nessuna piattaforma elaborata, discussa e approvata dai lavoratori; nessuna informazione su un’eventuale piattaforma presentata dai sindacati; nessuna notizia diramata prima dell’annuncio della firma sull’accordo. Ormai è proprio il caso di dire che aziende e sindacati se la cantano e se la suonano per conto proprio, mentre ai lavoratori non resta che la presa d’atto finale. La democrazia sindacale è stata definitivamente azzerata e non c’è più neanche la parvenza di qualcosa che ci assomigli alla lontana.

Del resto duole riconoscere che gran parte del contenuto economico che una volta era negoziato nella contrattazione integrativa è stato nel tempo riassorbito da altri accordi, o meglio da altre iniziative aziendali, come il PVR, il LECOIP ed ora anche il sistema incentivante legato alla tutela, che vedono i sindacati come semplici appendici firmatarie, anziché soggetti propositivi di una contrattazione vera.

Partendo da questo presupposto, e tenendo conto del carattere straordinario degli eventi che hanno coinvolto e stravolto il Gruppo nell’ultimo anno (dall’assorbimento emergenziale delle banche venete, alla dimensione enorme del piano esodi, dalla temerarietà del piano industriale 2018-2021, alla cessione degli NPL con lavoratori inclusi), non stupisce che al contratto di 2^ livello sia rimasto ben poco da trattare.

E dire che la vastità e profondità dei problemi che ogni giorno assillano i lavoratori del Gruppo non sono certo irrilevanti o difficili da vedere e conoscere. Affrontarli davvero però urterebbe contro gli interessi dell’azienda e minerebbe quel quadro idilliaco che anche i sindacati, aziendali o nazionali, tendono ad accreditare come modello da seguire, fatto com’è di accordi pervasivi, contrattazione continua, taglio dei costi, obiettivi sfidanti, produttività del lavoro, pressioni commerciali, utili e dividendi corposi per gli azionisti, premi succulenti per i manager. Meglio quindi concentrare la “contrattazione” sugli argomenti marginali e lasciare mano libera all’azienda sulle cose che le stanno davvero a cuore.

Il rinnovo del contratto di secondo livello avrebbe al contrario potuto rappresentare un’occasione seria per discutere del triennio straordinariamente difficile che abbiamo alle spalle e mettere al vaglio del giudizio assembleare una gestione sindacale verticistica e impermeabile alle istanze di base. Si sarebbe potuto costruire un rapporto di forza basato sulla capacità di ascolto delle priorità urgenti dei lavoratori, in modo da aprire una vertenza partecipata e sentita da parte dei soggetti direttamente coinvolti dai processi di cambiamento organizzativi e commerciali.

Si sarebbe dovuto, ad esempio, affrontare il tema degli straordinari non pagati, che continuano su cifre esorbitanti (sebbene l’azienda si rifiuti di comunicarne l’ammontare): equivalgono a potenziali posti di lavoro e nuova occupazione, per cui peraltro contribuiamo (inutilmente) con una giornata lavorativa annua.

Sarebbe stato utile anche riproporre la questione degli orari estesi e dei turni, che sono sempre più ingestibili con la riduzione degli organici in atto e sempre più incoerenti con lo spostamento delle attività sul digitale, asse portante del nuovo piano industriale. La nostra proposta (fare sì che ogni lavoratore/trice non debba fare più di un turno serale e più di un turno al sabato ogni mese) avrebbe costituito una buona base di partenza.

Si è invece preferito ancora una volta “saltare” la base e firmare la lista delle richieste aziendali, per bieca collaborazione subalterna alla realizzazione del Piano Industriale. Una strada che porta il lavoro ad essere, sempre più, fattore produttivo puro, soggetto esecutivo di decisioni altrui, oggetto di contrattazione, più che protagonista del proprio futuro. Un esito davvero penoso delle grandi stagioni di lotta del passato, che si basavano su una pratica di confronto democratico esteso e che producevano ben altri risultati.

Non è possibile continuare così: l’autismo delle organizzazioni sindacali può finire solo se c’è una reazione decisa dei lavoratori. Metodi e merito delle trattative devono cambiare di segno, se vogliamo fermare questa deriva vergognosa.

I risultati di queste disastrose scelte strategiche sono contenuti negli accordi raggiunti, che ci limitiamo a sintetizzare nella scheda tecnica allegata, con qualche commento critico a margine (in corsivo).

ALLEGHIAMO ANCHE IL VOLANTINO COMPLETO

ISP: raffica di accordi estivi, i problemi restano tutti, alcuni si aggravano

Firmato il contratto di secondo livello in Intesa Sanpaolo, insieme a due accordi ai quali sarebbe opportuno prestare molta attenzione.

Il primo riguarda ISP Casa. Un accordo che introduce anche in questa realtà i famigerati contratti misti e regola eventuali passaggi degli attuali lavoratori in Intesa Sanpaolo. Ci sono molte cose non chiare nell’accordo: nel volantino allegato le segnaliamo ed intendiamo tornare a breve a parlare di ISP Casa.

Molto importante è la vicenda dell’esternalizzazione dei lavoratori e delle lavoratrici del Recupero Crediti. Alcuni mesi fa avevamo pubblicizzato un odg che, tra le altre cose, chiedeva la volontarietà del passaggio alla nuova società, con l’opzione del distacco e di non firmare nulla prima di tornare dai lavoratori in assemblea. Infatti….

Il tema del distacco è stato abbandonato dopo un secondo dalla partenza della “trattativa”. Il resto è una commedia giunta all’ennesima replica. Prima i comunicati sulle “posizioni distanti”. Poi un’improvvisa accelerazione, l’azienda che risponde a tutte le questioni sollevate (meno che a quella più importante) e la chiusura a velocità supersonica con la firma dell’accordo. Ai lavoratori coinvolti, cui va tutta la nostra solidarietà, la valutazione dell’accordo e la scelta se la partita deve finire in questo modo.

Sulla firma dell’accordo sul contratto di secondo livello, per ora, ci limitiamo a riportare il commento dei sindacati firmatari che affermano che “tutte le normative previgenti sono state confermate e migliorate”. In effetti, l’azienda è sempre stata molto soddisfatta delle normative sottoscritte!

CUB-SALLCA Intesa Sanpaolo

ISP: i lavoratori ci scrivono sulle pressioni.

Il nostro precedente messaggio sulle pressioni commerciali ha suscitato un vivace dibattito. Abbiamo deciso di fare un numero della nostra rivista Bancarotta pubblicando i contributi che abbiamo ritenuto particolarmente significativi (che dimostrano che si può creare una “comunità di resistenti”) ed anche una mail critica nei nostri confronti, con la nostra risposta.

Ecco l’allegato: 

Intanto, dopo che avevamo scritto una lettera aperta al Ceo Messina, in cui avevamo sollevato il problema delle sanzioni per gli assegni senza clausola non trasferibile, apprendiamo che l’azienda ha dato un segnale di apertura: il sito della Fisac riporta questa frase: “L’azienda ha accolto la nostra richiesta di intervento economico a fronte delle sanzioni erogate dal MEF a colleghi per la negoziazione di assegni non trasferibili. Nelle prossime settimane verranno illustrate le modalità di intervento, che copriranno la sanzione in misura significativa”.

Saremmo interessati (ancora di più i colleghi coinvolti) a sapere cosa significa esattamente “in misura significativa”, tanto più che l’azienda sarebbe obbligata in solido nella vicenda.

Intanto si è aperto un altro fronte: stanno arrivando sanzioni dal Mef per la ritardata segnalazione di banconote sospette di falsità. Anche in questo caso ci aspettiamo che l’azienda copra il danno economico, frutto dell’improvvisazione con cui i lavoratori vengono adibiti, senza la necessaria formazione, a lavori apparentemente innocui, ma che possono creare danni notevoli.

ISP: Un altro volantino sulle pressioni commerciali?

I volantini sulle pressioni commerciali oramai si sprecano, anche i siti dei sindacati firmatutto ne sono pieni. Cosa ha di diverso quello allegato? Semplicemente prova ad entrare nel merito del vissuto quotidiano, denunciando alcuni “suggerimenti” o “trucchi” che vengono suggeriti per riuscire a raggiungere più agevolmente gli agognati obiettivi.

Aggiungiamo che una nuova fonte di stress giunge dalla deprecabile abitudine di molti direttori di Area di andare a curiosare sulle agende elettroniche dei lavoratori. E’ quindi opportuno dire alcune cose chiare riguardo il “metodo”.

Per quanto a nostra conoscenza, il “metodo” (fonte Wikipedia) era il modulo calcistico in voga negli anni ’30 (con cui l’Italia vinse 2 mondiali, la Juventus 5 scudetti ed il Bologna 2 Mitropa Cup), soppiantato dal “sistema” praticato dalle squadre inglesi ed in Italia dal Grande Torino.

Quindi, per tornare a noi, l’azienda può lecitamente chiedere di fare le telefonate necessarie ai clienti (naturalmente, se si ha il tempo per farle), ma non esiste nessun obbligo di convincere un certo numero di clienti a venire tutti i giorni agli appuntamenti, men che meno di chiudere l’appuntamento con un “successo”.

Tutto il resto sono chiacchiere e presunti obblighi inventati da chi, peraltro lautamente retribuito, non ha altro da fare tutto il giorno che stare col fiato sul collo di chi lavora.

Dobbiamo creare tra noi una comunità di “resistenti” per affermare il nostro diritto a lavorare in modo sereno e corretto. Isoliamo coloro che, operando in modo scorretto e fuori dalle regole, vengono additati da alcuni (ir)responsabili come modelli da seguire.

Leggete il volantino, fateci sapere cosa ne pensate.

CUB-SALLCA Intesa Sanpaolo


Di seguito pubblichiamo la mail che ci giunge da un lavoratore sull’ennesima “trovata commerciale”

PER UN ALTRO GIRO DI RUOTA

Come tutti saprete l’azienda ha messo in campo una nuova iniziativa volta all’acquisizione di nuove mail e nuove targhe automobilistiche.

Tramite un accordo con la piattaforma informatica “Destinazione gusto” a tutti i clienti che lasciano nuove mail e/o targhe viene riconosciuto un buono sconto di 15 euro (su una spesa minima di 50 euro) da concretizzarsi sul sito internet destinazione gusto.

Sullo stesso sito e’ possibile partecipare a un gioco a premi in cui si gira una ruota che si posiziona su una vincita oppure no: sul sito bisogna andarci tramite i- pad di filiale gestito da un/una collega.

Ora se e’ chiaro l’intento di acquisire nuove targhe e contatti per l’espansione nel mercato assicurativo, il mezzo utilizzato lascia spazio a forti critiche.

Quando vedo le colleghe o i colleghi che girano la ruota mi viene in mente, da ricordi giovanili, la valletta Miriana Trevisan che girava la ruota della fortuna nel quiz pomeridiano di Mike Bongiorno: che una banca dalle tradizioni secolari ricorra a questi mezzi per l’acquisizione di nuovi obiettivi mi sembra svilente anche per la professionalita’ dei colleghi.

Davvero visto lo scopo non c’erano altri mezzi adatti alla bisogna?

Davvero i colleghi devono ridursi al rango di valletti/e inseguitori di clienti con uno schermo in mano?

Davvero in questo sistema e in questo mondo puo’ valere tutto e il contrario di tutto?

Davvero dobbiamo essere noi gli unici a criticare tutto questo?

ISP: LA TRUFFA DELLA TRATTATIVA SUGLI ACCORDI DI SECONDO LIVELLO

E’ stato annunciato con enfasi l’avvio delle trattative sugli accordi di secondo livello ma sulla base di quale piattaforma?

Ai lavoratori non viene più chiesto di validare le proposte rivendicative dei sindacati al tavolo semplicemente perché non ci sono. Come al solito verranno discusse solo le posizioni aziendali e, come sempre, alla fine sarà un successo (per la controparte senz’altro).

D’altronde, nell’unica occasione in cui un mandato esiste, come nel caso dell’ordine del giorno approvato nell’assemblea di Napoli dei lavoratori del Recupero Crediti (NPL) che rischiano l’esternalizzazione, dove si chiedeva di esercitare l’opzione del distacco, la richiesta è già stata archiviata.

C’è ormai un corto circuito tra sequestro della democrazia sindacale e assenza di proposte autonome dal versante dei lavoratori. Leggete qualche esempio nell’allegato.


Riguardo il nostro precedente messaggio sul tema delle tessere “catturate” al momento dell’esodo, ci ha scritto una collega in relazione al secondo episodio che abbiamo denunciato. Nonostante il tono non propriamente amichevole, vogliamo essere trasparenti e corretti (e non “violenti”) e renderla pubblica, integralmente, sebbene non abbiamo obblighi in tal senso.

Ribadiamo che il tentativo di carpire trattenute sindacali sull’assegno Inps è fenomeno diffuso, ma non tutti coloro che ci hanno segnalato gli episodi erano disposti a fare i nomi.Il caso cui si riferisce la collega è stato citato perchè ritenevamo e riteniamo la fonte attendibile e ricordiamo molto bene la telefonata che ci è arrivata ed anche il resoconto successivo.

Possiamo giusto concedere il beneficio del dubbio che si sia trattato di un fraintendimento.

Resta il dato generale di un fenomeno di malcostume diffuso che speriamo, con la nostra denuncia, di veder cessare una volta per tutte.


Buongiorno,

sono una collega prossima all’uscita, data 30 giugno e, come prevede la procedura, ho firmato l’accordo di conciliazione, sede ABI di Milano il giorno 25 maggio.

Ho richiamato alla mente quella giornata e lo svolgimento differisce da quanto leggo nella vostra odierna.

La sala è sicuramente affollata e rumorosa, il tavolo dei diversi rappresentanti è lassù in alto nella sala quasi in palcoscenico, ci viene spiegato da un signore, che si presenta come incaricato ABI,

come si svolgerà la mattinata, viene CHIARAMENTE spiegato che l’accordo di conciliazione necessita di una firma di garanzia da parte di un rappresentante dei sindacati firmatari, pertanto anche i NON ISCRITTI dovranno indicare UNICAMENTE A TALE FINE una sigla.

Dopo un primo appello in ordine alfabetico per verificare le presenze, una seconda chiamata, sempre in ordine alfabetico, per la consegna della documentazione che avviene direttamente al posto, nessuno di noi si avvicina al tavolo.

Dopo la lettura dell’accordo siamo chiamati a firmare e ancora una volta diversi incaricati ritirano, al posto, il documento.

Successivamente procedono con le spiegazioni e istruzioni per la compilazione del modulo INPS, dichiarato che l’indicazione del sindacato è necessaria per la trattenuto sull’’assegno d’esodo.

Soltanto alla fine di questo iter viene chiamato singolarmente ciascuno di noi, in ordine sparso riferito al completamento della firma dell’accordo da parte dei diversi sottoscrittori ciò al fine di consegnarci la copia di nostra spettanza, SOLTANTO in questa occasione ci avviciniamo al tavolo anche per consegnare il modulo INPS compilato e firmato, io non ho tessere sindacali e pertanto nessuno indicazione in tal senso ho inserito, il signore che ritira verifica che siano stati indicati i dati obbligatori e nulla esprime sulla tale assenza di indicazione.

A questo punto liberi tutti.

Giornata chiaramente diversa dal vissuto riportato nella Vostra, riferito probabilmente ad altra data.

Leggo con stupore il nome di Alessandro Drago quale sindacalista non propriamente corretto, ho conosciuto il collega in quella giornata ripeto 25 maggio, quale incaricato della FABI per l’’assistenza agli iscritti, dei compagni di viaggio in treno risultavano tesserati.

Con Drago abbiamo scambiato alcune parole, sentito il nome ci siamo presentati dando un volto ad una voce al telefono, occupandomi di Crediti alla Direzione Regionale ho seguito alcune pratiche di mutuo inviate dal collega.

Ritengo il suo comportamento assolutamente corretto, ha risposto alle diverse domande dando le informazioni che erano a sua conoscenza, non ho ricevuto alcun tipo di pressione per iscrizioni o indicazione di cosa scrivere sul modulo INPS, ai suoi tesserati ha comunicato la lettera (M) da scrivere sul modulo.

In arrivo da Torino eravamo in 6 colleghi, di cui in 4 sui tesserati, la sottoscritta allora e tutt’ora non iscritta a sindacati, un altro collega che si è dichiarato vostro iscritto.

Ritenevo la vostra organizzazione affidabile e degna di merito per l’attenzione rivolta ai colleghi ed alle loro problematiche, ho sempre votato i nominativi a voi riferibili, ma in questa occasione devo cambiare la mia valutazione.

Additare alla pubblica gogna in questo modo un collega sindacalista di sigla diversa mi sembra un atteggiamento violento per un sindacato che molte volte ha lamentato la violenza di altri.

Ribadisco, nella giornata del 25 maggio DRAGO Alessandro ha svolto UNICAMENTE funzione di tutela e assistenza ai lavoratori, come suo ruolo.

Saluti

Marisa Ravarelli

CASSA DI PREVIDENZA SANPAOLO (E RITA)

da CUB SALLCA INTESA SANPAOLO
a iscritti/e, lavoratori, lavoratrici, esodati/e e pensionati/e.

Lunedi 23 luglio, a Torino, presso la sala dell’Hotel Torino Centro di Corso Inghilterra 33

dalle 17,30 alle 20,00, in presenza dei nostri rappresentanti negli enti di previdenza integrativa,

si terrà una riunione di approfondimento sulle possibili scelte per la Cassa di Previdenza e anche sulla novità della Rendita Integrativa Temporanea Anticipata (RITA).

CASSA DI PREVIDENZA SANPAOLO: SCELTA IMMINENTE

da CUB SALLCA INTESA SANPAOLO
a iscritti/e, lavoratori, lavoratrici, esodati/e e pensionati/e

Ricordiamo a tutti i colleghi, in servizio, in pensione, in esodo, che sono in fase di spedizione le lettere o le mail inviate dalla Cassa con la proposta di capitalizzazione individuale, secondo quanto previsto dall’accordo sindacale del 5 dicembre 2017.

L’accordo prevede 90 giorni di tempo per esprimere una scelta:

a) accettare la capitalizzazione individuale;

b) non esercitare l’opzione e quindi mantenere la precedente prestazione alle stesse condizioni attualmente vigenti (integrazione della pensione INPS con fidejussione della Banca).

In riferimento a quest’ultima opzione, ricordiamo che la “Cassa” confluirà nel “Fondo Pensione Complementare Banco Napoli – Sezione A” (a prestazione definita) che, a conclusione dell’operazione di capitalizzazione, sarà denominato in “Fondo a prestazione definita del Gruppo Intesa Sanpaolo” che manterrà la sede a Torino.

Alcuni sindacati firmatari hanno già organizzato assemblee illustrative e proposto consulenze personalizzate per aiutare i colleghi interessati a scegliere in modo informato.

Come CUB-SALLCA siamo intenzionati ad organizzare un’assemblea illustrativa il 23 luglio (magari con ripresa video per consentire una fruizione anche a chi è distante). Nel frattempo confidiamo che molti dubbi ancora sul tappeto vengano fugati e chiariti quegli elementi di incertezza, normativa e fiscale, ancora presenti. Facciamo presente che la questione della riforma della legge Fornero, comunemente nota come ripristino della “quota 100”, qualora venisse a concretizzarsi in provvedimenti concreti, avrebbe ripercussioni molto significative sul bilancio tecnico della Cassa, sull’entità della prestazione integrativa da essa prevista e quindi sull’importo della fidejussione prestata dalla banca per garantire nel tempo tale prestazione.

Invitiamo dunque i colleghi a non scegliere in modo affrettato, a sfruttare tutto il tempo concesso per esprimere la scelta e documentarsi accuratamente attraverso tutti canali disponibili. Oltre alla consulenza dei nostri attivisti, vi ricordiamo che saranno disponibili sul sito della Cassa le “domande e risposte frequenti”, due linee telefoniche ed una mail dedicata, curate dal personale della Cassa stessa.

Raccomandiamo a tutti i Colleghi che intendono rimanere nel Fondo di tenere con estrema cura la lettera di proposta di capitalizzazione, perché in essa sono contenute le specifiche di una futura proposta di monetizzazione, mentre sullo Statuto del Fondo ex- Banco Napoli (che cambierà nome e garantirà la continuità della prestazione ora in capo alla Cassa) la descrizione della decurtazione del 6% è molto più sintetica.

Valutazione importante anche perché adesso tra i pensionati (circa 7.200) ci sono circa 1.700 persone che hanno un’integrazione annua lorda Cassa superiore a 10.000 Euro, in futuro potrebbero essere molti di più.

Ricordiamo a grandi linee i contenuti della lettera che perverrà ai colleghi, in base alla categoria di appartenenza.

PREMESSA

La ‘base di partenza’ per tutti i calcoli che sono stati fatti sarà la seguente:

“Per gli iscritti in servizio e gli esodati, il capitale verrà determinato considerando l’anzianità maturata alla data del 31 dicembre 2017, raffrontando la prestazione prevista dallo Statuto della Cassa (aliquota del 2,25% dell’ultima retribuzione per ogni anno di iscrizione) con la prestazione Inps per la medesima anzianità contributiva. I dati tecnico-attuariali sono quelli già utilizzati per il Bilancio Tecnico della Cassa.”

ATTIVI ed ESODATI ex-accordo ottobre 2017:

  • Minimo garantito Euro 30.000;

  • Coloro che accettano la proposta di capitalizzazione riceveranno il controvalore lordo sul Fondo Pensione a contribuzione definita di Gruppo (per gli esodati che avessero già riscattato tutto il Fondo Pensione la posizione sarà riaperta) e l’Azienda integrerà la contribuzione al Fondo di un ulteriore 4% sino al momento del pensionamento (per coloro che andranno in Esodo cfr. quanto previsto dall’Accordo ottobre 2017);

  • Nella lettera saranno riportati, oltre ai dati economici e demografici utilizzati per i calcoli:

    • Importo di capitalizzazione lordo;

    • Stima della pensione integrativa lorda Cassa (13 mensilità);

  • Chi non accetta la proposta di capitalizzazione avrà comunque la possibilità di capitalizzare il trattamento periodico anche al momento del pensionamento (ovviamente calcolato in base ai tassi pro-tempore vigente e con una potenziale decurtazione del 6% sull’importo della pensione integrativa lorda annua sulla parte eccedente Euro 10.000);

ESODATI

  • Stesse condizioni delle categorie precedenti, ma non avranno la contribuzione aggiuntiva del 4% al Fondo Pensione da parte dell’Azienda;

PENSIONATI

  • Non è previsto un importo minimo garantito;

  • Coloro che accettano la proposta riceveranno l’importo in contanti;

  • Sarà applicata una decurtazione del 6% all’importo della pensione integrativa annua lorda sulla parte eccedente Euro 10.000;

  • Nella lettera saranno riportati l’importo lordo e netto dell’offerta di capitalizzazione (tassazione in base alle regole del Fondo Pensione M1, M2, M3), a questo importo saranno dedotti i ratei di pensione 2018 sino a quel momento percepiti;

  • I Pensionati che già oggi NON ricevono l’integrazione della Cassa di Previdenza (c.d. ‘Integrati a zero’) non riceveranno nessuna lettera e le loro posizioni saranno trasferite d’ufficio al Fondo ex-B.co Napoli;

  • I Pensionati che presentano una posizione debitoria nei confronti della Cassa riceveranno un importo decurtato dell’importo a debito.

DIFFERITI (Art. 41 e 41 bis dello Statuto Cassa)

  • Non è previsto un minimo garantito;

  • Coloro che accettano la proposta riceveranno l’importo in contanti;

  • Nella lettera saranno riportati l’importo lordo e netto dell’offerta di capitalizzazione (tassazione in base alle regole del Fondo Pensione M1, M2, M3);

PER TUTTI

A disposizione per richieste di chiarimenti:

  • Una casella mail dedicata;

  • Due linee telefoniche dedicate;

  • Sul sito internet Cassa: documento di “domande e risposte più frequenti” e nota di approfondimento metodologico.

Modalità di adesione:

  • Per gli Attivi è prevista la possibilità di aderire via web – per gli Attivi che non possono usufruire dell’applicativo è prevista l’adesione cartacea;

  • Per tutte le altre categorie di destinatari è prevista l’adesione in modalità cartacea (comunicazione da trasmettere tramite Raccomandata RR).

E nove!!

DA CUB SALLCA INTESA SANPAOLO

A iscritti/e, lavoratrici e lavoratori

Anche questa volta siamo riusciti nell’obiettivo di avere una presenza del sindacalismo di base sia nel CdA, sia nell’Assemblea dei Delegati del Fondo Sanitario di Gruppo.

Nel CdA è stata confermata Paola Cassino, nell’Assemblea dei Delegati il più votato nella nostra lista è stato Gianpaolo Gallizio.

Un risultato per nulla scontato e che è stato raggiunto grazie alla collaborazione di attivisti e simpatizzanti, decisivi, prima, per la raccolta firme per presentare le liste, poi per una campagna elettorale condotta fronteggiando eserciti di sindacalisti con permessi sindacali retribuiti pressoché illimitati.

GRAZIE A TUTTI/E per il contributo che avete dato.

La soddisfazione per il risultati raggiunti non ci esime dall’analizzare gli aspetti critici di questa votazione. Rispetto a quattro anni fa abbiamo confermato una percentuale superiore al 7%, ma con 400 voti in meno, una tendenza negativa che ha coinvolto quasi tutte le liste concorrenti, in un contesto che ha visto ben 4.000 votanti in meno.

Questo è l’aspetto più preoccupante: su un tema così importante l’attenzione dei colleghi/e è stata bassa (37% di votanti) e ci dispiace che, nonostante lo sforzo profuso, i temi che abbiamo sollevato non abbiano generato reazioni.

Alcuni ci hanno riconosciuto il merito di essere stati gli unici ad aver tentato di parlare di contenuti in questa campagna elettorale (non diremo di avere detto cose giuste o intelligenti, ma di aver parlato di questioni di merito e di problemi reali) e non soltanto di lanciare slogan e frasi autocelebrative.

Continueremo caparbiamente su questa strada.

Resta peraltro il fatto che, ancora una volta, in una competizione nazionale su liste contrapposte, il nostro sindacato ha dimostrato di rappresentare una quota significativa di colleghi e che l’esclusione dalla partecipazione alle trattative sulle materie sindacali è anacronistica ed ingiustificata.

Cercheremo, in ogni occasione, di essere presenti con le nostre idee e le nostre proposte, in modo che sia chiaro che non sarà nostra responsabilità l’esclusione dai tavoli di trattativa.

INTESA SANPAOLO: UN BUDGET ANCHE PER I SINDACALISTI: E’ CACCIA ALL’ISCRITTO!!

Avevamo già scritto sui tentativi di alcuni sindacalisti firmatutto di carpire, durante le procedure presso l’Abi per le pratiche di esodo, una firma per la trattenuta sindacale sull’assegno erogato dall’Inps. Visto che gli episodi si sono ripetuti, abbiamo deciso di raccontare nel dettaglio la vicenda, con nome e cognome dei protagonisti. Pur sicuri che si sia trattato di un equivoco (non potremmo mai pensare che esistano sindacalisti così disonesti) pubblichiamo, sotto, la storia raccontata dal nostro storico dirigente sindacale Franco Di Mauro, che ne è stato direttamente protagonista.

Peraltro la vicenda si è ripetuta tempo dopo: mentre lavorava in cassa con la consueta coda davanti, il nostro rappresentante Marco Schincaglia è stato indiretto protagonista di un altro espisodio, avendo ricevuto la telefonata di un collega che stava firmando per l’esodo e che chiedeva se era davvero necessario mettere una firma su un modulo Inps con il codice M. L’autore del nuovo equivoco lo trovate al fondo del testo.

Se alcuni sindacalisti (firmatutto) sono scatenati con chi va in esodo, altri imperversano con quelli in servizio. Ci è stato raccontato (anche se non abbiamo conferme ufficiali) che alcune sigle impongono ai loro quadri sindacali di fare iscrizioni pena la riduzione del loro monte ore di permessi. Una storia, se fosse vera, suggestiva e che vi raccontiamo nell’allegato.


Confesso: nonostante l’età e la lunga esperienza oggi sono un po’ emozionato. Dopo oltre 40 anni di lavoro, sono venuto qui a Milano, all’ABI, a firmare il mio pensionamento anticipato: l’agognato esodo.

Mi ritrovo in una sala rumorosa, più di venti persone intorno ad un tavolo ovale (l’ABI si può permettere un certo arredo) che parlano ad alta voce. Ad un certo punto una gentile signora (che si presenta come rappresentante della banca) ci comunica alcune istruzioni generali e poi passa a leggere 4 fogli che contengono le regole dell’accordo sull’esodo. Seguo ma non molto, sto già pensando a “dopo”. Tornerò a casa e sventolerò i fogli che decretano la mia “libertà” definitiva.

Ma ecco una piccola difficoltà: la gentile signora avvicina uno ad uno tutti gli “esodandi” (da qui capisco che gli altri seduti intorno al tavolo erano sindacalisti). Quando viene il mio turno, mi dice:

(lei) A quale sindacato è iscritto? Lo deve scrivere su quel rigo.

(io) A nessuna delle sigle indicate sul foglio.

(lei) l’indicazione è obbligatoria per la formalità dell’atto. Il sindacato fa da garante per la sottoscrizione del verbale di accordo.

(io, stupito ma rassegnato) per me è uguale, non ho fiducia in nessuno di questi. Indico, a caso, il primo della lista: tale Tiberio Carelli – FABI.

Ma guarda un po’ il caso, è proprio seduto di fianco a me.

Sentita la improvvisa designazione, mi guarda e dice:

(lui) devi firmare anche il modulo INPS.

(io) quale modulo INPS?

(lui) Questo (ce l’avevo sotto il naso ma ero, come ho detto, un po’ confuso).

(io) Dove devo firmare?

(lui) Qui , e mi indica un rigo a metà di uno dei fogli.

(io) Ma cos’è questa firma, a cosa serve?

(lui) Se indichi me come “garante” devi firmare anche qui.

Comincia ad assalirmi un dubbio ed anche un po’ di nervosismo (mi conosco queste situazioni in cui non capisco, non le reggo, prima o poi sbotto). Vado a vedere dove avrei dovuto firmare e leggo :

delega per la riscossione dei contributi associativi sindacali: autorizzo l’INPS a trattenere…..compresa la tredicesima….i contributi stabiliti dalla propria organizzazione sindacale. Accetto che la delega sia tacitamente rinnovata di anno in anno…ecc.ecc.”

Finalmente ho capito, comincio ad alzare la voce, la rabbia mi assale perché in quel momento ed in quella confusione generale e personale rischiavo di fornire una rendita a vita ad un’organizzazione sindacale che nemmeno conosco. Lui capisce, si alza e si va a sedere all’altro capo del tavolo.

Dopo diversi minuti la gentile signora mi consegna i vari moduli controfirmati “di malavoglia” da Tiberio Carelli. Lo guardo, lui ha la faccia come quella di un commerciante che ha perso un cliente e sembra dire:

peccato, mi rifarò con il prossimo: avanti un altro!

*****

Il secondo episodio cui facevamo riferimento, avrebbe visto come protagonista Alessandro Drago. Naturalmente, come per la storia di cui sopra, saranno i colleghi che non hanno capito, si sarà sicuramente trattato di un equivoco, visto che il ruolo dei sindacalisti, in quella sede, sarebbe di tutela dei lavoratori!!

LECOIP, ALCUNE COSE IMPORTANTI DA CHIARIRE

Riteniamo importante ritornare sulla vicenda dell’accordo PVR 2018 in Intesa Sanpaolo ed il collegato piano di incentivazione Lecoip 2.0, per cui è imminente la scadenza della scelta (fino alle ore 14 di venerdì 8 giugno).

Leggendo bene l’accordo ci siamo accorti di un elemento poco evidenziato e quindi poco conosciuto: la possibilità che l’importo anticipato (1.200 euro) debba essere restituito all’azienda, al venir meno delle condizioni di erogazione del PVR.

Nel Lecoip precedente non era prevista alcuna clausola di recupero. Ora invece l’art. 15 dell’accordo recita tra l’altro:

“Nel caso in cui venissero meno le condizioni, anche individuali, per l’erogazione del PVR 2018, ovvero il premio individualmente spettante risultasse di importo inferiore all’anticipo PVR 2018 corrisposto, …l’anticipo percepito o l’eventuale differenza tra il premio individualmente spettante ove inferiore all’anticipo e l’anticipo stesso sarà trattenuto:

– dal PVR 2019 ove individualmente spettante, ovvero dallo stipendio del mese di maggio 2020;

– in caso di adesione al Piano di Investimento LECOIP 2.0 verrà trattenuto in sede di liquidazione del Lecoip Certificate sottoscritto;

– nel caso di indisponibilità/incapienza del Certificate al momento della liquidazione sulle prime competenze utili,….”

Quindi, sia che si scelga il contante, sia che si aderisca al Lecoip, c’è il rischio di vedersi decurtato, in tutto in parte, l’anticipo percepito, nel caso non scattino tutti i “cancelletti” necessari per andare a premio. Ricordiamo anche che, rispetto ai 1.200 euro dell’anticipo, l’unica quota veramente garantita del PVR 2018 è di 240 euro (cioè l’80% dei 300 euro lordi della quota A del premio base).

Ci piacerebbe essere smentiti dai sindacati firmatari e dall’azienda, e ci rendiamo conto che gli accordi su PVR, Lecoip, Sistema Eccellenza Tutela (in totale valgono 185 milioni di euro) sono pilastri nella costruzione del consenso al piano aziendale ed al sistema della “contrattazione”, ma il testo dell’accordo firmato ci sembra inequivocabile. Anche parlare dell’importo destinato al LECOIP 2.0 come premio aggiuntivo, come fa la guida della Fisac-Cgil, è vagamente fuorviante. Infatti è molto chiaro il contenuto rilevabile nella relazione al Consiglio di Amministrazione:

“Lecoip 2.0 Professional Certificate. Ogni componente del Capitale Inizialmente Assegnato è soggetto a trigger che ne possono determinare la riduzione fino all’azzeramento”.

C’è quindi il rischio concreto che molti lavoratori, che percepiscono in genere un PVR dall’importo poco più che simbolico, si trovino questa volta a restituire nel 2020 importi già incassati nel 2018, oppure vedere ridotto il Lecoip percepito nel 2022.

Naturalmente non è nostra intenzione creare timori esagerati: se ci fosse un deterioramento così marcato dei requisiti patrimoniali e dei risultati economici, saremmo in presenza di problemi ben più gravi della eventuale restituzione del premio!

In ogni caso riteniamo fondamentale scegliere avendo un quadro completo delle informazioni disponibili.

A tale proposito ricordiamo che sarà con ogni probabilità di nuovo possibile “finanziare” il Lecoip con un prestito dedicato, da restituire in unica soluzione alla fine del piano, al di fuori del normale plafond concesso ai dipendenti.

Ricordiamo anche, a coloro che volessero modificare una scelta già effettuata in tema di Lecoip, che nella procedura ticket-web è ancora possibile chiedere di cambiare.

 

CUB-SALLCA Intesa Sanpaolo